Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Facciamo una previsione, insieme.

Ricordate la Nokia che con Symbian insegnava al mondo a come stare sul mercato dei cellulari? Non c’è più, sparita insieme a Symbian e ai suoi sfortunati successori.

Ricordate la Microsoft che insegnava agli altri a come stare sul mercato dei sistemi operativi per cellulari? No? Ovvio, non è mai esistita.

nokia_microsoft_maxkavaDue aziende così, messe insieme, cosa possono fare? Grandi cose, sulla carta: un marchio che ha ancora appeal, per lo meno in Europa. Un sistema operativo – Windows Phone 8 – con buone intuizioni che, se sviluppate, lo metterebbero almeno vicino ai principali concorrenti.

Passando dalla carta alla realtà, il matrimonio si avvia al fallimento: le applicazioni tardano ad arrivare, le vendite non possono essere sostenute semplicemente presentando cellulari con fotocamere superpotenti.

Nokia può lamentarsi con Microsoft per la mancata evoluzione di Windows Phone, ma dovrebbe prima di tutto lamentarsi con sè stessa: gli anni ’90 e la gara ai megapixel (o al display più grande, più colorato, alla memoria più capiente) sono finiti da un pezzo. Per sopravvivere ci vuole ben altro.

Immaginate per un momento un Lumia con sistema operativo Android: che dite, venderebbe più dell’attuale gamma Nokia? Io dico di sì.