Di palo in frasca

C’é chi sullo storytelling esasperato ci costruisce una carriera. E c’é chi si lamenta dello storytelling esasperato. E poi c’é chi fa entrambe le cose.

 

In Svezia niente contante, in Italia solo contante

E così la Svezia si avvia a diventare la patria del pagamento digitale: carte di credito, smartphone e affini hanno praticamente sostituito il contante. Addirittura in alcuni negozi inizia ad apparire la scritta “non si accettano contanti“.

In Italia, invece, siamo ancora alla preistoria: i cartelli “non si accetta carta di credito” o “bancomat fuori uso” o ancora “carte di credito solo per pagamenti superiori ai 30 euro” sono infatti la norma, più che l’eccezione. Un Paese di vecchi e per vecchi, refrattario non solo alle innovazioni ma anche alla legalità.

Già, perché nessuno mi toglie dalla testa che il non-decollo dei pagamenti digitali sia dovuto all’enorme peso dell’economia sommersa. Tra pagamenti in nero e micro-criminalità, il contante resiste allegramente al tempo che passa. Quando diventeremo come la Svezia? Speriamo non sia troppo tardi…

Lo stop delle startup

“Buongiorno dottor Cavazzini, Le scrivo perché vorrei avere l’opportunità di presentare la mia startup“. Iniziano così decine di messaggi ricevuti via LinkedIn da startup italiane.

Solitamente rispondo chiedendo qualche delucidazione, e se poi – ma io sono curioso di natura! mi interessa, cerco di dedicare un’ora de visu per capire meglio cosa fanno, come lo fanno e potenziali sinergie con quello che faccio io.

Eppure. C’è un eppure. Sarò sfortunato io, ma la maggior parte delle startup sembra non avere la minima idea di come approcciare potenziali clienti/partner/manager e come gestire la relazione.

“Ok vediamoci” scrivo io. Poi silenzio per mesi. “Avete cambiato idea?” abbozzo dopo mesi. “Ah sì abbiamo deciso di focalizzarci su altro business grazie”.

“Ci vediamo lunedì alle 9, allora?” confermo. “Ah no sono da un cliente – messaggio della domenica sera per appuntamento del lunedì mattina – mi spiace speriamo capiti altra occasione in futuro”

“Sono interessato vediamoci da me in ufficio prossima settimana!” è la mia proposta. “Ok può passare nel nostro ufficio previo appuntamento, saluti” una delle risposte ricorrenti.

Capita anche a voi? O sono io sfortunato e poco selettivo?

Does Proactive Work