Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Saranno presentati oggi a Roma durante il convegno Asstel i numeri del mercato tlc italiano. Come anticipa Il Sole 24 Ore, più che la crisi mondiale, sulle tlc italiane pesa il declino inarrestabile del traffico voce, il ritardo nella banda larga rispetto ai big europei, il difficile equilibrio con i nuovi protagonisti del web che fanno impennare il traffico.

Negli ultimi quattro anni – scrive Il Sole 24 Ore – la filiera delle tlc ha perso in ricavi quasi l’8%, circa 4,5 miliardi di euro. È dal 2006 che il settore ha perso colpi e la tendenza continua, vista la contrazione del mercato anche nell’ultimo semestre di oltre il 2%. La crescita della banda larga non basta.

Sul fisso, è stata più che annullata dalla perdita di 2,6 miliardi dei servizi voce. La compensazione è invece avvenuta per gli operatori mobili, che hanno però dovuto fare i conti con una riduzione di 14 miliardi di ricavi all’ingrosso.

Le vecchie linee telefoniche sono calate di 5 milioni portando l’Italia al più basso livello di penetrazione del fisso a livello europeo: al 77%. Anche l’Adsl non ci consente di primeggiare. Tra giugno 2009 e giugno 2010 gli accessi alla banda larga fissa sono aumentati di oltre il 7%, ma restiamo all’ultimo posto tra i cinque principali paesi della Ue.

L’esplosione di schede e chiavette o smartphone per il collegamento alla banda larga mobile è il fenomeno più evidente degli ultimi anni, eppure non basta a portare il totale – fisso e mobile – in linea con gli altri paesi, perché restiamo comunque in coda con il 67% (accessi per famiglie).

I grandi motori di ricerca, i social network, i content provider – Google, Youtube, Facebook ma anche molto altro – stanno stravolgendo la catena del valore nel settore allargato dei media e delle tlc. Fioriscono società concepite nell’era 2.0 che traggono beneficio soprattutto dalla pubblicità online, ma tra queste e gli operatori telefonici resta una cesura profonda: «I gestori telefonici – sottolinea il rapporto – sono stati in gran parte disintermediati dalle nuove fonti di ricavo. I servizi dei nuovi attori hanno stravolto le regole di dimensionamento della rete, facendo aumentare il traffico Ip sulle reti e conseguentemente i costi». Eppure, aggiunge il coordinatore del rapporto, Federico Ciccone, «è un fenomeno che genera anche esternalità positive per gli operatori, perché è ovvio che abbia un ruolo determinante nella crescita della penetrazione della banda larga».

La domanda di banda larga ristagna anche per i nostri ritardi nell’alfabetizzazione informatica, con il pc presente solo nel 50% delle famiglie, e per una persistente difficoltà ad adoperare internet nei rapporti con la pubblica amministrazione. Solo il 15% della popolazione usa servizi di e-government rispetto all’obiettivo fissato dall’Agenda digitale europea al 50%. I servizi pubblici effettivamente fruibili su internet, in rapporto a quelli potenzialmente disponibili, sono il 79% rispetto all’82% della Ue a 27 e dell’88% della media dei cinque principali paesi europei.