Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ne ho già parlato qui ma credo meriti un po’ più di attenzione. Il tema è il futuro dell’informazione e più nello specifico dell’informazione on line.

Sempre più spesso si parla di informazione on line a pagamento, con i ‘grandi’ quotidiani statunitensi pronti per far pagare l’accesso alle notizie on line dal prossimo anno. In Italia ci si arriverà già nel 2010, almeno secondo le mie previsioni spicciole.

La Stampa pubblica oggi in home page sul proprio sito un servizio fotografico al ‘diavoletto’ di Inferis-Gardaland. Otto foto, tutte in posa, tutte ad alta qualità, tutte con didascalia copia&incolla dalla nota stampa che l’agenzia di marketing ha passato a La Stampa (“Una figura dalle sembianze demoniache nei giorni scorsi è stata notata mentre scorazzava indisturbata nella metropolitana di Milano. L’oscuro ed inquietante personaggio ha destato l’attenzione di numerosi passanti milanesi per via dei suoi occhi di ghiaccio e le ossa parietali sporgenti, simili alle corna del diavolo. Ed ora sembra che il demoniaco soggetto sia sbarcato anche a Torino” e così via con altre sei).

L’ultima didascalia, alla quinta foto, fa poi cadere le braccia:
“Sulle origini e sugli obiettivi del minaccioso personaggio non si sa ancora nulla: con ogni probabilità si tratta di una divertente trovata pubblicitaria, ma resta il mistero su cosa ci sia dietro…”

Si sa molto, invece, del ‘minaccioso personaggio’: è una campagna pubblicitaria (per altro brutta e criticata da molti) di lancio per una nuova attrazione Gardaland, a cui è collegato un flog (fake blog… siamo tornati nel 2005) e se un giornale rispettasse i propri lettori eviterebbe la pubblicazione di simili didascalie.

Quello che mi chiedo è se il futuro del giornalismo passi davvero per queste finte notizie, o meglio da queste pubblicità camuffate da notizia. Davvero i lettori pagheranno per leggere e vedere simili castronerie?