Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri ero a lavorare nel mio (nuovo) ufficio di Milano. Mentre ero in autostrada, nei pressi di Vercelli, mia moglie mi ha telefonato per dirmi che avevo dimenticato a casa portafoglio (e con esso carte di credito, soldi, documenti, etc etc).

Dentro di me ho pensato “va beh nessun problema speriamo solo che non mi fermino per un controllo perchè non ho la patente” e poi subito dopo ho pensato “va beh salto pranzo mangerò quando rientro a Torino nel tardo pomeriggio”. Fine della storia? Non proprio…

Nel pomeriggio mi rimetto in auto verso Torino e…. panico! Non avevo carburante a sufficienza per tornare a casa, non avevo contanti o carte per pagare il carburante, l’unica salvezza sarebbe stata il carro attrezzi con la tanica.

Il digitale e i pagamenti elettronici mi hanno però salvato. Ho aperto Google dal cellulare e cercato “pagare carburante con PayPal”. Ho scoperto – ma perchè non la pubblicizzano di più? – che nei punti vendita Q8 Easy (il self service insomma) puoi pagare con PayPal, senza necessità di avere contanti o carte di credito o carte carburante o carte fedeltà o… insomma se hai un cellulare sei a posto.

Per cui ho scaricato l’app da AppStore, mi sono registrato (due minuti: user, password, autorizzazione PayPal, autorizzazione privacy, creazione di un PIN, conferma del numero di cellulare con codice via SMS) e ho cercato un distributore Q8 nei dintorni.

Poi ho chiesto all’app di “pagarmi” 50 euro di carburante – ovviamente addebitati via PayPal – e ho ricevuto un PIN temporaneo da inserire nella colonnina dove solitamente si armeggia con carte varie o contanti. Metto il PIN, mi chiede conferma del mio nome, clicco ok e faccio carburante. Appesa la “pistola”, mi esce la ricevuta e via. Zero carte, zero contanti, due click veloci. La sicurezza è abbastanza elevata, dovendo avere user e password di PayPal, PIN e password di Q8, il cellulare abilitato su cui ricevere il codice, che per altro è temporaneo (dura 10 minuti) e ha un limite di spesa (mi pare 200 euro a settimana).

Tutto questo per dirvi che non è lontano il futuro in cui non dovremo più portarci dietro 20mila carte fisiche (di credito, fedeltà, documenti, e chi più ne ha più ne metta) perchè il cellulare può fare da portafoglio e noi stessi possiamo fare da secure gateway (ad esempio con la biometria, sostituendo password con riconoscimento impronta o iride). Apple Pay va in questa direzione, Samsung Pay segue a ruota, accordi come quello tra PayPal e Q8 sono poco pubblicizzati ma davvero utili e comodi (per altro siccome i benzinai non accettano la Amex aziendale, basta “appoggiare” il conto PayPal sulla Amex aziendale così si fa carburante pagando con carta di credito aziendale, non male no?).

buzzoole code