Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Spassosa intervista di Repubblica a tale Salvatore Cobuzio, che si definisce Web Marketing Manager. Leggetela tutta perchè è davvero una cartina al tornasole per capire quale sia lo stato del Web in Italia (se ci sono aziende che chiedono questo tipo di consulenze, c’è speranza per tutti) e, perchè no, del giornalismo (a chi viene dato spazio sui giornali?).

Salvatore Cobuzio, classe 1978 di origine siciliana, controverso autore del libro Il testamento di Salvatore Siciliano, Fazi Editore, un caso mediatico preceduto da una potente campagna virale.

Talmente potente che non se n’è mai sentito parlare.

Dieci milioni di persone se lo sono domandato visitando sui social network il suo profilo.

Cara Benedetta Perilli, che firmi la marchetta il pezzo, ci puoi gentilmemnte dire la fonte di questo dato?

E poi via con una serie di citazioni che nelle intenzioni dell’autore e probabilmente del protagonista dovrebbero far emergere quanto è bravo. E invece? E invece fossi un’azienda cliente sarei incazzata nera per il boomerang e il danno di immagine che ne viene fuori.

Questo passaggio in cui ci si vanta di fare cose illegali per conto di Kirby, ad esempio, è illuminante:
Altra impresa è quella realizzata su richiesta della Kirby Company: Cobuzio e un team di collaboratori si occupano di “ripulire” l’immagine dell’azienda produttrice di elettrodomestici facendo sparire dal web i commenti negativi degli utenti insoddisfatti dall’acquisto di un tristemente noto aspirapolvere. “Non ho mai fatto cose illegali però – spiega Cobuzio – ho solo sfruttato meccanismi di programmazione informatica. In operazioni del genere ad esempio posso far confluire, su un sito da ‘abbattere’, centomila visualizzazioni nello stesso momento. I server non ce la fanno a sopportare tutto quel traffico e crollano. Il sito può rimanere offline fino a due settimane. In altre operazioni invece ci limitiamo a creare commenti positivi su un determinato prodotto o azienda e così su Google i commenti negativi scendono in favore di quelli positivi”.

Visto che è ‘anni e anni’ (secoli?) che lavora come ‘web marketing manager’ (dove? per conto di chi? con che risultati?), chi gli spiega che l’attacco DOS è illecito? Se la Polizia Postale legge credo ci possa essere una querela d’ufficio, si è autodenunciato…

E Zoomarine di Roma che immagine può ricavare da questa frase?
“L’azienda mi disse: devo andare al tg, ma non ho soldi  –  racconta Cobuzio – allora io ho inventato Miss Facebook”.

Insomma, “Questa è solo una parte del curriculum di Salvatore Cobuzio, web marketing manager e manipolatore della rete per professione, scrittore esordiente per denuncia.”. Ce n’è abbastanza per togliere il job title Web Manager dai vostri curricula, se anche voi come me vi state preoccupando di poter un giorno essere accostato a certi personaggi…