Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da ieri chiunque tenti di raggiungere l’account Twitter della candidata PDL alla regione Lazio, Renata Polverini, atterra su questa pagina di errore.

Account sospeso per ‘strane attività’. Si chiama follow spam, ovvero aggiungere in pochissimo tempo persone alla propria lista per accrescere la visibilità (sfruttando quella altrui).

E’ una pratica vietata da tempo, se ne parla da quasi due anni (!!) anche nel blog ufficiale di Twitter.

Follow spam is the act of following mass numbers of people, not because you’re actually interested in their tweets, but simply to gain attention, get views of your profile (and possibly clicks on URLs therein), or (ideally) to get followed back. Many people who are seeking to get attention in this way have even created programs to do the following on their behalf, which enable them to follow thousands of people at the blink of any eye.

As you can imagine, this is a problem. In extreme cases, these automated accounts have followed so many people they’ve threatened the performance of the entire system. In less-extreme cases, they simply annoy thousands of legitimate users who get an email about this new follower only to find out their interest may not be entirely…sincere. On rare occasions we may see a person who is mass following and actually cares about every tweet—there is an opportunity for us to learn more about this use case and work to provide a better experience.

Se la politica decide di usare il Web, dovrebbe farlo attraverso professionisti che conosco il mezzo, non attraverso collaboratori che si improvvisano guru del Web. Non credo sia un bel segnale – per la candidata, per il partito, per chi lavora seriamente sul Web, per chi abbia a cuore la politica – che ci si affidi a persone che ignorano le regole base.

Non è un caso se sul sito ufficiale è sparito il bottoncino Twitter, che campeggiava in seconda posizione, per fare posto al calendario…