Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ha spiazzato tutti, Tronchetti Provera. Dopo le trattative fallite con Rupert Murdoch – chi non ricorda l’incontro di agosto al largo delle coste greche? – e le polemiche sul caso Rovati, ora Tronchetti si è seduto al tavolo delle trattative con gli americani di ATeT e con la sudamericana America Movil. Le due società hanno presentato offerte disgiunte per l’acquisto di Olimpia, ma nel caso servisse – lo ha detto Michael Coe di ATeT – sono pronte ad allearsi per entrare sul mercato italiano: ATeT ha l’8% di America Movil e i rapporti con il messicano Carlos Slim sono buoni.

Tronchetti, dicevo, ha spiazzato un po’ tutti. Ha spiazzato le banche, che da settimane studiano la possibilità di acquisire il 18% di Olimpia (la società che controlla Telecom Italia). La trattativa si è arenata perché la differenza tra quanto vorrebbe realizzare Tronchetti (ha pagato più di 4 euro ad azione, non è disposto ad allontanarsi troppo dai 3 euro) e quanto offrono le banche (poco più di 2 euro) è molta.

Ha spiazzato il Governo, che contava sul pool di banche italiane (Mediobanca in primis) per evitare che la più importante rete tlc italiana finisca in mani straniere. Ora la politica si divide tra liberisti (va bene qualsiasi compratore, purché faccia investimenti) e nazionalisti (noi, gli stranieri no), il portavoce del Governo Sircana litiga con Fausto Bertinotti, il ministro Bersani definisce sconcertante la vicenda e Berlusconi fa i complimenti all’abile Tronchetti per come ha condotto la partita.

Già, perché ha incassato la scorsa settimana il via libera del Governo (Prodi, quando ormai sembrava che l’affare Telecom Italia fosse cosa delle banche, si è lasciato sfuggire un “comunque non ci sono preclusioni verso gli stranieri”), ha costretto le Banche a fare un’offerta e poi ha portato le cambiali all’incasso davanti ad ATeT e America Movil.

Certo, la partita è tutt’altro che chiusa: Prodi pare sia infuriato e stia studiando le contromosse, che si limitano per ora ad un pressing asfissiante su Mediobanca perché alzi l’offerta e compri le azioni Olimpia. La banca d’affari Citigroup si lancia in previsioni tutt’altro che rosee per le due società straniere: tutto finirà ai soliti noti. Gentiloni arriva addirittura ad aprire le porte a Mediaset (“Nessuna preclusione, c’è spazio anche per loro”) pur di mantenere l’italianità di Telecom. Alla fine probabilmente hanno ragione i sindacati, che spiegano: la soluzione prospettata (la vendita ad ATeT e America Movil) è utile solo a Tronchetti.

Comunque vada, l’ex Presidente di Telecom Italia sarà riuscito a vendere agli stranieri al prezzo voluto oppure, sventolando lo spauracchio della Telecom in mano americana, sarà riuscito a spingere le Banche italiane a versare un prezzo più alto di quello offerto inizialmente.