Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

[comunicazione]
Tornano le elezioni e i nostri politici non trovano di meglio che fare spam sui cellulari. Stavolta niente messaggi dalla Presidenza del Consiglio, ma direttamente da Forza Italia.

Non essendomene arrivati (ma conosco diverse persone a cui sono giunti) non so dire se siano leciti o meno, cioè se il destinatario abbia autorizzato il trattamento del dato personale (il numero del telefonino).

Mi chiedo però se davvero qualcuno ritiene che un SMS possa servire a convincere un elettore a votare per questo o quel partito.
Se ha deciso di votare lo schieramento opposto, non sarà un SMS a far cambiare idea.
Se ha deciso di votare per il partito che invia l’SMS, nella migliore delle ipotesi confermerà le proprie intenzioni; nella peggiore – infastidito dal messaggino – voterà per altri partiti.
Gli indecisi? Personalmente ritengo che l’effetto-fastidio derivante dall’SMS non richiesto superi l’effetto-persuasione, per cui si ha un bilancio negativo dell’azione di marketing.

Evidentemente non la pensano così gli strateghi politici…